Liberi tutti

C’è un senso di euforia nell’aria, misto ad ansia ovviamente, ma al momento prevale la prima. Dal 3 giugno si torna un po’ più liberi e dopo oltre 3 mesi murati in casa sembra una cosa enorme. Le prospettive cambiano, fino a qualche mese fa guardavo il mappamondo cercando triangolazioni incrociate tra aeroporti sperduti per trovare l’isola incontaminata o anche solo scoprire la perla nascosta al turismo internazionale prima degli altri. Sembra passata una vita fa, ora mi gaso perché posso varcare il confine lombardo e approdare in Emilia Romagna senza essere arrestato o senza che mi si chieda patente, libretto e autocertificazione o mi si guardi con circospezione per sapere dove fossi la notte del 14 aprile 2020.

29027739_1666049593476092_4789499549972430848_o

Il primo pensiero è sicuramente la voglia di rivedere i propri “congiunti”, perché non è che i congiunti ce li abbiamo tutti in città o in regione. Ma soprattutto, ora l’obiettivo diventa rivederli senza fare tanti ulteriori programmi. Guardando indietro, mi rendo conto di come la programmazione abbia preso il sopravvento su di me e come anche un weekend con la famiglia diventasse una visita di stato: ore 8, incontro con le maestranze; ore 12, colazione di networking con madre; ore 13.30 pranzo ufficiale alla presenza del (santo) padre. Ora, sono sicuro che la mia parte “Google Calendar” tornerà fuori prepotente in men che non si dica, ma per ora mi godo questa nuova versione zen che ha solo voglia di ricongiunzioni e non teme il suo più acerrimo nemico: la noia. È come se avessi scordato tutte le pianificazioni messe in atto per prevenire la noia, mia e di chiunque mi stesse attorno, ma loro non lo hanno scordato temo.

franca-leosini-meme-1518010412

Sono sicuro che la voglia spasmodica di weekend tornerà, così come l’ansia da prenotazione di ogni struttura ricettiva. Torneranno le maratone alla “Tutta New York in 4 giorni” con sveglia alle 7 e rientro in stanza all’1 di notte, con gente di cui non farò nomi in stato semi-comatoso che non ha ricordi nitidi dell’Empire State Building perché in stato di incoscienza da deprivazione di sonno. Torneranno i tour che partono all’alba e i “ma non c’è una partenza successiva?”. Torneranno i “dai, mancano solo 800 metri” e i rispettivi ammutinamenti di chi dirà “basta, voi andate, noi ci fermiamo”. Torneranno i “se c’è una torre, ci sarà un panorama bellissimo da assaporare dalla sua vetta” e gli “ok, allora intanto noi andiamo a vedere i souvenir”. Tornerà tutto,  ma ora il tempo sta ancora scorrendo ad un’altra velocità, e per citare il mitico Brunori “oggi mi godo la mia tenerezza, perché non durerà”.

 

3 pensieri su “Liberi tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...