Expectations vs. Reality

Sembra lontanissimo quel brindisi del 31 dicembre, quel momento in cui – mentre i bicchieri si incontrano allo scoccare della mezzanotte – prendono vita in modo autonomo miliardi di pensieri e aspettative su come sarà l’anno alle porte. Eppure, neanche uno sceneggiatore di Black Mirror avrebbe potuto ipotizzare uno scenario tanto sconfortante. A proposito, Paolo Fox, nasconditi che è meglio.

Ed anche il secondo mese chiuso in casa è trascorso e – proprio mentre cercavo di resettare tutto ciò che di buono ci fosse pre-Covid – la simpatica funzione “ricordi” di Facebook si è insinuata con un chiaro take on message: “ehy, sai che lo scorso anno avevi una vita”. Grazie anche a te Mark.

Sia nel 2018 che nel 2019, in questo stesso periodo dell’anno mi ero innamorato di Leida, una piccola Amsterdam senza i turisti sballoni italiani e quindi molto più vivibile. E’ stata la base di due splendide gite al Keukenhof, il giardino di tulipani più bello del mondo.

Non c’è bisogno di essere degli appassionati di botanica per rimanere colpiti dal luogo, perchè è semplicemente un tripudio di colori, odori… un posto incredibile e pacificante. Ovviamente, però, io e la natura andiamo d’accordo fino a un certo punto: nel 2018, la prima settimana di aprile faceva ancora freddo e i tulipani avevano bisogno ancora di tempo per essere al massimo del loro splendore. Nel 2019 faceva troppo caldo, e a inizio maggio i tulipani erano pronti con i bagagli. Tulipani, pure voi, un po’ di elasticità.

Aspettative vs. realtà. 2019 vs. 2020. Tulipani in foto vs. tulipani live. Assistere alla bellezza della natura richiede una gran dose di fortuna e io ne ho sempre avuta poca! Ad esempio, io, quelle distese di tulipani perfette con il mulino a vento a farne da sfondo non le ho mai viste… per non parlare della lavanda. Sono stato in Provenza in pieno giugno, l’anno in cui la lavanda si sarebbe palesata a Luglio. Ho fatto l’escursione alla ricerca dei delfini a Taranto nell’unico giorno della stagione in cui c’era mare mosso e i delfini erano a fare assembramenti e party privati. Ho cercato i famosi scoiattoli grassi di Triberg, quando quelli erano andati all’Oktober Fest a drinkare. Sono stato sull’Isola di Mann a cercare i gatti senza coda, passando i giorni a guardarne il lato B e venendo scambiato per pervertito dagli autoctoni. E sui puffini in Islanda preferisco soprassedere.

Non sono molto fortunato con la natura, però quando poi si palesa vale più di mille skyline, che sono sempre lì e non mutano mai. Penso all’avvistamento dell’Aurora Boreale, alla cascata di Gullfoss ghiacciata, ai colori del tramonto sulle rocce di granito rosa in Bretagna o alle cicogne che volano in città in Alsazia. A volte, in fondo la realtà può superare le aspettative, anche se questo 2020 ci insegna il contrario. Attendiamo fiduciosi un cambio di rotta!

Vai col filmato deprimente in mood 2020: https://www.youtube.com/watch?v=SIu0LMT0tvI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...